In tutto il mondo esistono nidi, scuole dell’infanzia, primarie, superiori e college, ispirati al pensiero di Maria Montessori.

Il metodo Montessori non è soltanto un metodo, ma un paradigma pedagogico di matrice biologica e naturalistica che si basa sull’idea che la mente umana abbia una struttura fisiologica e dei modi di funzionamento stabiliti dalla biologia del nostro corpo, del nostro sistema nervoso, delle nostre mani e dei nostri sensi. Benché Maria Montessori sia vissuta tra il 1870 e il 1952 oggi le teorie che più si avvicinano al suo pensiero sono le riflessioni psicologiche sul flusso e sulla concentrazione, quelle della neuroscienza e quelle sulla nudge-economy.

Obiettivo della pedagogia montessoriana è studiare la struttura delle mente umana e le naturali strategie che ogni giorno applichiamo nell’apprendimento, al fine di migliorare la progettazione dell’intervento educativo. “Adattare la scuola alla mente degli esseri umani e non la mente degli esseri umani alla scuola” potrebbe essere un buon motto esemplificativo di questo atteggiamento.

Il pensiero pedagogico di Maria Montessori suggerisce la realizzazione di un ambiente preparato dall’adulto per permettere lo sviluppo delle abilità cognitive, sociali e morali di ogni essere umano nella classe. Una scuola Montessori la riconoscete perché possiede un ambiente particolarmente attraente, con arredi e materiali educativi interessanti, autocorrettivi e da utilizzare principalmente con le mani (hands on materials). Il corretto utilizzo di questi materiali è presentato dall’adulto attraverso lezioni individuali o di piccolo gruppo. Tutti i bambini e le bambine poi possono scegliere liberamente quale materia studiare, quale materiale prendere dagli scaffali e con quali giochi giocare.

Ogni materiale educativo presente nell’ambiente invita alla scoperta di una caratteristica del mondo e della natura, permette l’auto-correzione dell’errore, e permette l’acquisizione di competenze cognitive, simboliche e immateriali a partire dal contatto con oggetti concreti che permettono di visualizzare sensorialmente e toccare fisicamente con le proprie mani ciò che nelle altre scuole è solo raccontato o disegnato. In altri termini si favorisce l’apprendimento attraverso l’utilizzo di tutti i sensi e non soltanto della vista e dell’udito. Il contatto con una scuola Montessori e con adulti sereni e competenti favorisce nei più piccoli la concentrazione, l’auto-disciplina e l’amore meravigliato per il miracolo del manifestarsi della vita.

I docenti e gli insegnanti si dedicano a guidare, favorire e aiutare i bambini nel loro processo di crescita mostrando il funzionamento dei materiali educativi, tenendo lezioni sui concetti o le idee più complicati contenuti o semplificati nei materiali, e soprattutto attuando una disciplina di autocontrollo e amore nella relazione educativa.

 Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *